IDEE IN CAMPO PER EX-ZUCCHERIFICIO: dibattito pubblico

Lo sosteniamo da sempre: le decisioni per lo sviluppo della zona dell’ex-zuccherificio vanno prese anche con la partecipazione dei cittadini. Ed è per questo che la nostra lista si sta muovendo per organizzare un incontro-dibattito pubblico tra gli “attori” istituzionali e privati, con l’intervento dei cittadini. Un progetto partecipato, sostenuto fortunatamente anche dal PD fanese, che fa bene all’intero processo di sviluppo della zona. I presupposti ci sono, ora serve un degno confronto. Certamente, possiamo avere le più belle idee di questo mondo, ma le proposte che si possono avanzare debbono essere economicamente sostenibili. Seguendo questi principi, anche Fano a cinque stelle, dopo alcune analisi, prova a mettere sul tavolo della discussione le seguenti idee per una migliore valorizzazione dell’area:

– Centro direzionale con sala congressi, teatro moderno usufruibile da parte delle numerose associazioni culturali e teatrali della zona, ristorazione

Palestre e impianti sportivi al chiuso. Di rilievo la possibilità di sfruttare questi spazi per realizzare la nuova piscina, visto che il progetto di costruirla in zona Trave sta procedendo su un binario morto

Polo tecnologico con sedi universitarie e industriali per studi d’avanguardia nel campo della biotecnologia e dell’energia (luogo produttivo, ma anche di tipo divulgativo adatto, ad esempio, per le visite delle scolaresche) con collaborazioni Comune-Regione-Provincia-Università. Fornendo le strutture di tecnologie per il risparmio e l’efficienza energetica ed installando su tutti i tetti pannelli fotovoltaici, per rendere autosufficienti gli impianti, nel nuovo quadro del Peac (Piano Energetico Ambientale Comunale) appena presentato.

 Altro tassello fondamentale: le decisioni finali andranno prese dopo aver svolto uno studio programmatico con esperti analisti del settore che giustifichino una scelta rispetto ad un’altra, tenendo in considerazione le reali esigenze economiche, sociali e territoriali della zona. Per questo urge, prima, un passaggio partecipato anche della cittadinanza.

About Hadar O.