PEDONALIZZARE, ATTO DI CIVILTA’ E SVILUPPO

Come non sottoscrivere l’impegno dell’assessore Cucuzza per la pedonalizzazione completa di Via da Serravalle e Via Cavour. Siamo fortemente convinti (e lo dimostrano le esperienze di tante altre città simili a Fano) che la pedonalizzazione delle vie centrali sia un atto di civiltà e di sviluppo. Di civiltà poiché preserva le bellezze architettoniche (vedi via da Serravalle, bellissima e rimessa a nuovo da poco tempo, eppure ad oggi semidistrutta dal passaggio continuo di auto) e consente una fruizione degli spazi più sana, libera e tranquilla. Di sviluppo poiché è dimostrato come i clienti che possono muoversi con serenità e calma nelle vie pedonali, siano anche migliori acquirenti presso i negozi. Fano, oltretutto, ha numerosi parcheggi limitrofi al centro storico. Intasare ancora con auto le vie interne non può che arrecare caos, frenesia e poca propensione all’acquisto. Inoltre è necessario che i residenti abbiamo agevolazioni per parcheggiare le proprie auto nei parcheggi adiacenti al centro e non più permessi “ a pioggia” come fino ad oggi è stato fatto, senza neanche regolare gli orari di passaggio e limiti di permanenza. Certo, deve esserci un dialogo proficuo con gli esercenti che chiedono come prerequisito una riqualificazione della zona interessata. Nel piano triennale del Comune i soldi destinati alla valorizzazione di Via Cavour ci sono. Che si facciano presto, quindi i passi necessari. Per il resto delle vie del centro storico, possiamo attendere azioni di abbellimento da parte del Comune prima di rendere la zona completamente pedonale? Secondo noi, a questo punto la più bella riqualificazione è la pedonalizzazione stessa, grazie alla quale le persone possono passeggiare e fare acquisti senza che si preoccupino di schivare auto invadenti e i commercianti possano ravvivare gli spazi attigui al proprio esercizio con banchetti e varie iniziative. E’ ora che la politica fanese faccia scelte coraggiose e lungimiranti, è questo il nostro appello che rivolgiamo all’assessore Cucuzza..

About Hadar O.