UN PRIVILEGIATO, UN SALTO

Un “privilegiato”. Ecco come mi sento. Certo per un grillino questa parola non dovrebbe essere presente nel suo vocabolario. Ma mi riferisco a un privilegio di tipo umano. Avere avuto del prezioso tempo per conoscere i meccanismi del Consiglio Comunale e essere stato “educato” alla complessità degli ingranaggi e all’analisi di certe situazioni da un esperto come Carlo De Marchi, non è cosa da tutti i giorni.

Ma oggi la palla passa a me! Che dire? L’attesa è finita? Sono felice?Sapete, quando arriva un appuntamento importante, le sensazioni sono molteplici e contraddittorie. Da una parte l’entusiasmo di una nuova esperienza, fortemente voluta da un gruppo che ha speso tempo, trasparenza e impegno in questi mesi. Dall’altra la paura di non farcela appieno, di non saper affrontare certe situazioni, di non sapere completamente esaudire le aspettative delle centinaia di persone che ci hanno votato e apprezzato in questo periodo.

Ma ho un asso nella manica: il gruppo di persone di questa lista civica che sta mettendo il proprio tempo e la propria passione in questa piccola grande avventura. Appena affiora il timore di non potercela fare, mi viene da pensare ai visi dei miei compagni di viaggio e mi torna il sorriso!

Ma concretamente come intendiamo muoverci, ora?

L’immagine è presto delineata.

In una mano abbiamo il programma di Aguzzi, nell’altra teniamo un foglio bianco. La prima ci serve per tenere d’occhio quanto delle promesse fatte dalla coalizione del sindaco verrà realizzato. Dall’altra il foglio bianco: non a simboleggiare una mancanza di idee (le 5 stelle, cioè le nostre proposte, già le conoscete). Anzi, è un foglio su cui scrivere, collaborando e confrontandosi, le buone soluzioni per il bene di tutti i cittadini fanesi e non solo di alcuni. Con umiltà, sincerità, ma con la forza delle idee.

 

Ed è per questo che nei prossimi mesi abbiamo intenzione di affrontare diverse tematiche importanti per Fano:

–          riprese video del consiglio comunale e wifi per tutti: i cittadini devono sentirsi chiamati in causa, informarsi, conoscere. Per una partecipazione reale e non virtuale. Ogni nuovo strumento di conoscenza va implementato per rendere cosciente il cittadino di quello che sta accadendo. Ecco perché puntiamo molto anche ad organizzare incontri e dibattiti pubblici, i più organici e completi possibili su tematiche fondamentali per Fano.

–          Mobilità dolce: messa in sicurezza delle piste ciclabili già presenti, potenziamento e creazione di una rete capillare e razionale. Bike sharing, car pooling. Sembrano parole troppo esotiche per essere vere? Strano, ma sono realtà già affermate in molte città a noi vicine: Pesaro, Senigallia, Civitanova, Jesi…

–          Raccolta differenziata non per salvare la discarica, ma per dare sviluppo! Guardate Vedelago: è stata creata una filiera virtuosa tra realtà sociali ed economiche della città: il Comune differenzia e vende (guadagnandoci!) i materiali ai consorzi e ditte private che vendono (guadagnandoci!) i loro prodotti innovativi alle ditte che sempre più richiedono materie prime-seconde perché costano meno e hanno le stesse performance delle materie prime!

–          “il consigliere chiede consiglio”: è questa la nuova iniziativa che lanceremo a settembre con una serie di banchetti dove sarò presente per accogliere richieste e consigli da parte dei cittadini. Chi non può raggiungerci via internet sul nostro sito o ha piacere di conoscerci direttamente, avrà la possibilità di comunicare con noi in questo modo.

HADAR

About Hadar O.